Unione Limana Cavarzano vs Liapiave 2-0

Gron di Sospirolo. Quarto risultato positivo per la formazione giallorossoblu: l’Unione si impone sul Liapiave per 2 a 0 al termine di una gara che si può dire  ben interpretata fin dall’inizio. I locali hanno dimostrato nei novanta minuti una buona padronanza nel condurre il gioco e hanno offerto alcune giocate decisamente interessanti. Queste le formazioni scese in campo:

Unione Limana Cavarzano: De Carli, Fontana, Malacarne L., Loat, Brustolon, Malacarne S., Maset, De Marchi, Mastellotto, De Giacometti, Fiabane. A disposizione: Zanon, Solagna, Dal Paos, Moretti, Boso, Appocher, Paier, De Poloni, De Toffol. Allenatore: Massimiliano Parteli.

Liapiave: Kocjai, Furlan, Basei, Scarabel, Kostadinovic, Roman, Agostini, Barra, Cattelan, Zanetti, Roma. A disposizione: Bianchin, Antoniol, Gardenal, Gouem, Lorenzon, Padoan, Piovesan, Santi, Spricigo, Elbakhtaoui. Allenatore: Zoppas Paolo.

E’ sufficiente un tempo all’Unione per avere ragione degli avversari: trenta minuti o poco più bastano all’undici di mister Parteli per riuscire ad andare in doppio vantaggio e chiudere, di fatto, la contesa. Ancora una volta, protagonista delle marcature il giovane Fiabane, che sigla oggi una doppietta. La prima frazione registra una buona Unione, capace di imporsi con decisione sugli avversari. Gioco dinamico, veloce, grintoso. Gli ospiti sono i primi ad affacciarsi: una buona occasione al quarto d’ora, con una conclusione insidiosa sulla quale De Carli non si fa trovare impreparato. La prima rete arriva poco dopo, al ventesimo. Un cambio di gioco trova Mastellotto posizionato poco dentro l’area di rigore: aggancio del trequartista locale e palla dietro per Fiabane che si infila in velocità tra gli avversari e spara la palla con un gran collo proprio sotto la traversa, complice la deviazione di un difensore.  Passano solo due minuti e la seconda occasione nitida dell’incontro ha ancora i colori giallorossoblu. De Giacometti interpreta al meglio una bella azione corale dei suoi, ma è sfortunato nella conclusione di potenza a colpire il legno della traversa. Ancora qualche giro di orologio per portarsi vicino al raddoppio. De Marchi è atterrato al limite dell’area. Sulla palla si porta Simone Malacarne che però vede negata dal palo la gioia del gol. Le premesse per il raddoppio ci sono tutte e, in effetti, la rete non tarda ad arrivare. Poco prima del 35′ Mastellotto ha l’intuizione di mettere una palla filtrante per Fiabane che si infila agilmente nella retrovia ospite; l’estremo difensore intuisce la dinamica dell’azione e si porta in uscita, ma ha la meglio il giovane attaccante bellunese che con un tocco in corsa riesce a scavalcarlo e a far rotolare la palla in rete.

Il secondo tempo si apre con un copione leggermente diverso. Meno occasioni nitide da gol  a favore di un gioco più sbilanciato sui grandi capovolgimenti di fronte. Buoni i contropiedi dei locali, buona la velocità del gioco, specialmente di Jacopo Paier, che impensierisce in più occasioni la retrovia ospite. Nulla di fatto, comunque. Nella seconda metà di frazione prevale il possesso palla e la gestione del risultato. Nessun rischio e il punteggio di 2 a 0 diventa definitivo.

La gara di oggi pomeriggio sembra aver confermato alcune caratteristiche dei giallorossoblu che si sono viste nelle partite scorse. Tra queste l’impegno dei giocatori e la loro attitudine a mantenere sempre alta la concentrazione. Parola del team manager Giacomo Gidoni che, pur ricordando la necessità di non farsi prendere da facili entusiasmi, non nega che la partita sia stata il frutto del buon lavoro svolto da parte di tutti in questo primo periodo. “La vittoria conta relativamente, quello che ho apprezzato è come ci siamo arrivati. Abbiamo creato delle buone occasioni, ci siamo messi in gioco, come il mister ha chiesto di fare . Prestazioni come quella di oggi ci aiutano a capire la strada da percorrere per farsi trovare pronti per settembre: lavorare con intensità e impegno. “

La settimana si conclude. Appuntamento per mercoledì 25 con l’amichevole contro lo Schiara. Da venerdì la squadra si sposterà invece a Lamon, per tre giorni di ritiro.

Nella foto la formazione scesa in campo nel primo tempo.